Il pane bruciato

Ricordo che da bambina mia madre a volte per cena ci preparava il caffè con qualche cosa in più.
In particolare ricordo di una sera in cui lei, dopo una dura giornata di lavoro, ci ha servito il caffè con latte. Poi, mise in un piatto uova strapazzate, salumi e un sacco di pane bruciato di fronte a mio padre.
Ricordo di essere rimasta un po’ in attesa per vedere se papà notasse il piatto con il pane bruciato.
Tutto ciò che mio padre ha fatto è stato prendere il suo bicchiere, sorridere a mia madre e chiedermi come era andata la mia giornata a scuola.
Non ricordo cosa ho detto, ma ricordo mio padre che spalmava sul pane tostato il burro e la marmellata e che mangiava ogni boccone.

Quando mi sono alzato dal tavolo, quella notte, ho sentito la mamma chiedere scusa per aver bruciato i toast.
Non ho mai dimenticato la risposta di mio padre “Ho amato quel pane bruciato.”

Più tardi quella notte, quando sono andato a baciare papà per la buonanotte, gli ho chiesto se gli fosse davvero piaciuto quel pranzo.

Lui mi prese fra le braccia e disse:

– Figliuolo, tua madre ha passato una giornata di lavoro lunga ed era veramente stanca. Inoltre, il pane bruciato non ha mai fatto male a nessuno.
La vita è piena di imperfezioni e le persone non sono perfette. Né io sono il miglior marito, il miglior dipendente o il miglior cuoco, forse nemmeno il miglior genitore, ma cerco di esserlo ogni giorno.

Ho imparato nel corso degli anni, che accettare i difetti degli altri, cercare di minimizzare le differenze, è una delle chiavi più importanti per creare durature e sane relazioni.

So cucinare molto poco, ma ho imparato a lasciare il piatto lucido. Lei non sa come usare il trapano, ma rende tutto pulito e profumato. Non faccio una lasagna come lei, ma lei non sa preparare la carne alla griglia come me.

La nostra unione crea il mondo vedi e il supporto che ricevi, io e lei ci completiamo a vicenda. E ‘vero che più avanti, il giorno in cui uno dei due partirà, questo “mondo” si romperà. Ancora una volta dobbiamo imparare ad adattarsi per renderlo migliore.

In effetti, si potrebbe estendere questa lezione a qualsiasi tipo di rapporto, tra marito e moglie, padre e figli, fratelli, colleghi, amici e anche nell’ambiente professionale. Così i figli, si sforzeranno di essere tolleranti, soprattutto con chi dedica il proprio tempo prezioso della vita per loro.

La gente si dimentica quello che fai, o quello che dici. Ma non dimenticate mai il modo in cui li ha fatti sentire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: