Midnight in Paris: in realtà Parigi è ancora più bella con la pioggia

Sono rimasta piacevolmente stupita da questo film. La Parigi che ho visitato io è stata come quella percepita dal protagonista, fatata e retro, un salto nel passato. Ho iniziato a vedere Midnight in Paris con sospetto per l’innumerevole quantità di pareri contrastanti e per la mia avversione nei confronti delle commedie romantiche. In realtà si è riconfermata l’ipotesi che raramente bisogna fidarsi del parere degli “altri” ma è sempre bene affidarsi alla propria esperienza. Midnight in Paris, che vede il marchio Allen appiccicato ad ogni scena, persino nell’abbigliamento del ragazzo protagonista, è piacevole, amo definirlo, un film da domenica pomeriggio. Con questo non voglio sminurlo, intendo un film che si vede con spensieratezza e anche un po’ sognante, che ti fa assaporare tranquillità domenicale e che ti guida piacevolmente nella trama. Il tuffo nel passato del protagonista mi ha indotto numerosi spunti di riflessione che si sono districati in una delle frasi finali del film in cui il protagonista stesso, dando una risposta a una ragazza, inconsapevolmente svela la chiave di tutto il film e di se stesso. Linea portante è il tormento dello scrittore ormai relegato dai suoi cari a figura obsoleta che vive in un mondo tutto suo in cui la nostalgia per tempi ormai trascorsi la fa da padrone. In realtà un po’ è vero, lo scrittore, egocentrico e ancorato sempre un po’ alla nostalgia, è padrone della trama, sembra debole nei confronti degli altri personaggi spocchiosi e irruenti ma in realtà si svela risoluto e forte di se stesso, ma anche critico e introspettivo. Cerca di darsi delle risposte e scopre che fuggire non è il modo migliore per affrontare se stessi ma riuscire a creare quella parte di mondo in cui ritroviamo le persone e le cose che sono più in sintonia con noi. Nel film ho rivissuto la magia del mio viaggio a Parigi, delle strade, della pioggia, dell’atmosfera che solo una città come Parigi ti regala, magica. Fatta eccezione per il protagonista e per la trama a volte al limite del grottesco per alcune situazioni, i personaggi secondari risultano fastidiosi, sebbene la loro presenza non è marcata. Ancora più irritante è la performance cinematografica di Carla Bruni che oltre a confermarsi una pessima attrice, fa trasparire ancora una volta la sua avversione verso le sue origini italiane peccando della superbia tipica francese. Midnight in Paris: per chi ama lasciarsi trasportare da epoche che non ha vissuto per gustarne i piaceri, per chi ha apprezzato passeggiare sotto la pioggia di Parigi e per chi crede che l’amore anche se noioso, può essere quello giusto per noi. VOTO: 7

Vedi il trailer

La quiete dopo la tempesta – Giacomo Leopardi

Passata è la tempesta:
Odo augelli far festa, e la gallina,
Tornata in su la via,
Che ripete il suo verso. Ecco il sereno
Rompe là da ponente, alla montagna;
Sgombrasi la campagna,
E chiaro nella valle il fiume appare.
Ogni cor si rallegra, in ogni lato
Risorge il romorio
Torna il lavoro usato
L’artigiano a mirar l’umido cielo,
Con l’opra in man, cantando,
Fassi in su l’uscio; a prova
Vien fuor la femminetta a còr dell’acqua
Della novella piova;
E l’erbaiuol rinnova
Di sentiero in sentiero
Il grido giornaliero.
Ecco il Sol che ritorna, ecco sorride
Per li poggi e le ville. Apre i balconi,
Apre terrazzi e logge la famiglia:
E, dalla via corrente, odi lontano
Tintinnio di sonagli; il carro stride
Del passegger che il suo cammin ripiglia.
Si rallegra ogni core
Sì dolce, sì gradita
Quand’è, com’or, la vita?
Quando con tanto amore
L’uomo a’ suoi studi intende?
O torna all’opre? o cosa nova imprende?
Quando de’ mali suoi men si ricorda?
Piacer figlio d’affanno;
Gioia vana, ch’è frutto
Del passato timore, onde si scosse
E paventò la morte
Chi la vita abborria;
Onde in lungo tormento,
Fredde, tacite, smorte,
Sudàr le genti e palpitàr, vedendo
Mossi alle nostre offese
Folgori, nembi e vento.
O natura cortese,
Son questi i doni tuoi,
Questi i diletti sono
Che tu porgi ai mortali. Uscir di pena
È diletto fra noi.
Pene tu spargi a larga mano; il duolo
Spontaneo sorge: e di piacer, quel tanto
Che per mostro e miracolo talvolta
Nasce d’affanno, è gran guadagno. Umana
Prole cara agli eterni! assai felice
Se respirar ti lice
D’alcun dolor: beata
Se te d’ogni dolor morte risana.

Parafrasi

La tempesta è passata, sento gli uccelli far festa, e la gallina, tornata sulla strada che ripete il suo verso. Ecco che il sereno rompe le nuvole là da occidente, verso la montagna; la campagna si libera dalle nubi e lungo la valle appare chiaro e ben distinto il fiume. Ogni animo si rallegra, da ogni parte riprendono i soliti rumori e riprende il consueto lavoro. L’artigiano, con il lavoro in mano, si avvicina cantando verso l’uscio a guardare il cielo umido; esce fuori la giovane ragazza (la popolana) per vedere se sia possibile raccogliere l’acqua della pioggia da poco caduta; e l’ortolano ripete di sentiero in sentiero il consueto richiamo giornaliero. Ecco che ritorna nel cielo il sole, eccolo che sorride per i poggi e per i casolari. La servitù apre le finestre, apre le porte dei terrazzi e delle logge: e dalla strada principale si sente un tintinnio di sonagli; il carro del viandante che riprende il suo viaggio stride.
Ogni animo si rallegra. Quando la vita è così dolce e così gradita come ora? Quando l’uomo si dedica con così tanto amore alle proprie occupazioni come in questo momento? O torna al lavoro? O intraprende una nuova attività? Quando si ricorda un po’ di meno dei suoi mali? Il piacere è figlio del dolore, è solo una gioia vana (un’illusione), frutto del timore ormai passato, è frutto di quella paura che scosse chi odiava la vita ed ebbe terrore della morte; a causa della quale le persone fredde, silenziose, pallide sudarono ed ebbero il batticuore nel vedere fulmini, nuvole e vento diretti a colpirci.
O natura benevola, sono questi i tuoi doni, sono questi i piaceri che tu porgi ai mortali. Fra noi il piacere è uscire dalla paura, cessare di soffrire. Tu spargi in abbondanza dolore; il dolore nasce spontaneamente: e quel nostro piacere che ogni tanto per prodigio e per miracolo nasce dal dolore, è un gran guadagno. O genere umano caro agli dei! ti puoi ritenere molto felice se ti è concesso di tirare il respiro da qualche dolore: ti puoi ritenere beato se la morte ti guarisce da ogni dolore.